Testimoni del Novecento
(Testimonianza raccolta dal nipote Michele Venturato mercoled 5 aprile 2000)

Elvira Tronchin (1921-200..)

Quando te situ sposada?
Me son sposada nel 1944, el 24 Giugno. El 25 compa i ani to nono. (Il nonno Angelo Venturato 1917-1992)

Che lavori atu fat in giro?
Un lavoro! Son stata in servizio dai signori; el primo, tredese ani da un dentista a Venezia al ponte dele Gulie. No l tanto distante daa stazion, vizin el Cinema Italia... Soto servizio fee sempre iutante de a gente che vegnea dentro, ghe cioe el palt, ghe o mettee so lattaccapani, i fee passar sol studio dentistico e ciapee anca tante mance. E dopo, quando gavea finio tuto, quanto el laboratorio dei clienti, allora avee da lavar. Tutto quanto meter apposto...

Atu fat altri lavori?
Dopo son stata in servizio a Ravenna. L son stata... altri do ani.

Vegnevitu anca casa qualche volta?
Altro che vegnee casa! In treno vegnee casa. In tee feste p grande; e se me mama a stea poco ben vegnee casa!

Cossa feitu a Ravenna?
A Ravenna fee pulizia, mangiare... Un poco de tuto. No iera tosatei! Te servia i adulti, e i veci anca. El iera un apartamento grande. Da signori! A venezia gavee tredese ani e dopo a Ravenna gavee disette ani.

Conosseitu z el nono?
El nono o conosee de quatordese ani. Se se scrivea qualche lettera. Quando che l anda casa in licenza cerchee de ndar casa anca mi e l se se trovea. L sempre stato! L sempre stato! Diese ani. Lu l dita che el me ha scrito quatrozento lettere in diese ani. Lu el me scrivea sempre do volte a settimana e inveze mi no ghe scrivee spesso. Dee cartoine e de tuto.

Che fine gae fato chee lettere l?
Eee!! S! S! El gavea un paco cussi, che dopo le g brusae.

Quaeo xeo el to ricordo p bel de a to vita?
El me ricordo p bel de a me vita no savare dirte. Certo: che me son sposada! Ghe ho sempre voiuo ben a to nono. E dopo... de a me vita! Iere in fameia in trentatre persone co me g sposada. E ora te pol pensarte, in trentatre persone el me g men qua to nono. Da Fossalta son vegnua qua. El pi bel giorno de a me vita!! L che g spos to nono e ghe g sempre vossuo ben. Queo tuto. E dopo!! Durante i ani de a me giovinessa sempre alti e bassi. Se iera in fameia in tanti! Sacrifici tanti! Lavorar tanto, perch da zovane son sempre stada in servizio.

Situ ndata da altre parti oltre quei posti l?
No, l soltanto quei posti l! Son stada anca in Piemonte. S! El ultimo servizio el iera in Piemonte. L son stata par zinque ani e dopo l morto me mama e no son pi ndata. L gavee disdoto ani. Sempre in servizio! Dai signori. Son ndata a... cosso! Aaaa! Dio bon!... Mmm!... Desso no me ricordo p! Un paesotto grando... Mmm!...Novara! Novara! E dopo l i vea anca na bea villa a Strevi, sempre aparte del Piamonte. Quando i ndea a far e ferie, (a)eora ndee anca mi. A iera na bea paeazzina in campagna che i ndea far e ferie. E dopo g cambi posto! Satu par cossa? I me dea poco da magnar e ora g cambi. E dopo lori i me ha fato un biliettino, che ho fato na bona condotta e ho trov n altro posto. Quando te ndea via dai paroni... i vea da farme un biliettino de bona condotta, che te catesse n altro posto. Lo g ancora el bilietto! Te o fae veder. (Ripete le parole rivolte alla vecchia padrona) Signora mi no me sinto pi de star qu. Chea signora a me dea poco da magnar. Ea me ha dito: Me despiace che vai via, perch ti ho sempre dato tanta fiducia! Bene! Come una figlia.

Aveitu anca tempo libero?
Quando che ndee fora in uscita a domenega vee me amighe e se ndea al patronato dee suore. (Solamente el) Parmeso dee amighe, no se ndea ai divertimenti, se ndea al patronato dee suore... e l se se riunia e se... G vuo tanti corteggiatori e queo se o sa... Mi a me signora ghe contee tuto... E anca Angeo ghe scrivea a me signora e anca el ghe mandea qualche bea cartoina, a Pasqua... Lu no li conosea, ma mi confidandome co a me signora, che g el fidanzato, dove che el iera... El g fato la guera de a Grecia, ancora del 1939. E dopo l st mal, e l ha fato infezion intestinae co na scatoeta de carne guasta e i o ha rimpatri e l stato ricover a Firenze. Qua (a Firenze) l stato tre mesi dentro e sin i o mandea in Russia... L stato fortun!

Dove situ nata?
Mi son nata a Godega di SantUrbano. Prima de vegner Fossalta son stata a Santa Lucia. La scuoea la ho fata a Santa Lucia fino a la quarta elementare... e dopo son stata casa. Son vegnua Fossalta che gavee tredese ani. (Trapela un ricordo riguardante le domande precedenti) E satu par cossa ho smesso el servizio l... a Venezia? Perch no me conferia e arie (=laria non mi faceva bene). No iere bona de magnar e ora me mama a me g fato ndar casa. A me ha portada dal dotor e (al)ora lu el me g dito...

Me ricorde che to nono l stato sol campo de concentramento... To nono l stato (v)ia tel campo de concentramento In tel 39 le ndato in Albania, dopo l torn casa e dopo i lo ha trasferio a Bolzano. L stato tre ani a Bolzano in servizio e dopo i lo ha fato presoniero dai tedeschi. El gavea anca a fotografia in te larmadieto dea Marianna. I tedeschi nek nek, nek. La fotografia l stata pubblicaa in tea ciesa, de sta tosa, che no i voea che ste tose e fesse amor co i italiani. L stata disonoraa, l stata svergognada. Dopo sta tosa no l p vista. E t visto che l voesto ndar in serca. To nono l stato presoniero do mesi, tre. Dopo i lo ha trasferio qua a Verona che son ndata catarlo anca mi. Son ndata! Che el iera vestio co na giacca tedesca. Te sa quando el xe prisoniero... ! Son ndata cattarlo mi co Martin, che el sarie el pi vecio dei fradei. A Verona l stato sette mesi, otto.

Ma l viai tanto me nono?
L nato (andato) in te tanti posti. E dopo a Sommacampagna (provincia di Verona) l fatto servizio. A Torino l ndato, quando l ndato soto miitar dei voeontari. L l fato sie mesi de studio. Quando l finio a guera, l smesso de ndar in giro e le vegnuo casa. El se g conged. L fato servizio anca a Venezia, me par ai Albaroni (Lido degli Alberoni).

Cossa eo sucesso chea volta dellalluvion?
Lalluvion? Che to pap el iera a Roma. El iera a... a... Cossol!... Che dopo l vegnuo casa.

Quanti giorni ea stata qua lacqua?
L stata 40 giorni lacqua. Quanto fango!! Quanto fango!! Quanto fangol! Ghe iera i barconi che vegnea qua par portarne e... .. Invese lelicottero portea da magnar. Tre volte l vegnuo. (A)e vacche che iera in staea ghe gaven messo tante fassine pa alzarle, che te potesse monzarle. Dopo che vegnuo a comission par veder Insomma sta casa la innabitabie e no po star dentro parla uno de a commissione per labitabilit delle case soggette a lalluvione. E dopo pian, pian ven costruio a casa nova.

Ma e case de a zona, qua dei Venturati, iere z fate?
L iera z fata a casa de to zio Meno.

A casa dove sta Mario, dove sta Tarcisio?
Lori i stea l dove xe Merigo. A prima casa che i ha fato qua l stata quea de to zio Meno, e dopo a nostra i ha fato quea de Mario. Nel 68 lavemo fata noialtri e un ano prima l fatta to zio sante.

Dove steo prima me zio Sante?
In tea casetta picoea che ghe xe l. Te ciapea el svolto dea strada e te ciapea un stradon. Ghe iera anca dee vide e te rivea in fondo da to zio sante. Quel el iera el stradon che te ndea. El stradon da campi.

Cossa ghe iera da Favotto (Beppi Favotto)? L sempre stata chea casa?
S! L empre stata. E anca i cancei se dovea serar co se ndea fora. Quel l el iera el nostro stradon e dopo i ha fato sta qua (la stradina attuale).

Ho sentio che tanti, pa lalluvion, i ndea via?
Tanti che no podea star l par lalluvion i li portea via co i carrarmati, i anfibi. I stati (a) Jesoeo, i stati tanto finemente che lacqua no a xe tornada z.

Ma chi eo che ve ha avvertio de larrivo de lacqua?
Prima se sentia e sirene pa avertimento.
E che ora iera... E sie iera.

A rivaa subito lacqua?
Eeeee!!! Madonna !! Te a vedea vegner oltra, traversar a canaetta. Se te vede come che a traversea. Qua ghe iera a caneva. Qua da basso, sotto el portego, savea n caponera de pitussi boni ormai da copar. Tutti bianchi. I iera na quindisina. Lacqua li ha negai tutti. El vin in cantina! ... Le damigiane e g tute spacc(e). E tine no! Sen stati attenti che a vegnea vanti. A vegnea vanti! Se iera ancora in leto. A xe capitaa de mattina, a xe! A Zenson sha roto i argini. E dopo te vedea tutti sti porzei, ste bestie morte. Al momento che a xe vegnua basso, la iera sempre corente finemente che a te g impinio.
Alta, alta, alta l stata poco p de vinti giorni. E dopo pian pian te vedea che a caa, che a caa, che a caa.

E chea volta de a diga de Longarone?
C tutti chei morti! El Piave vegnea Basso. Vegnea basso anca lanema!

E quando xe vegnua a guerra qua?
So a seconda guerra mondiae! Chea volta i g bombard Treviso. Ogni sera i passa (gli aerei). E ora l, tanti i iera in staea che i varnea e vache co un ciaretto. Quando te o sentia, e ora te tochea stuarlo e star fermo, perche se no, dove i vedea ciaro i bonbardava. I ha bombard in tante parti. Qua se stea! Anca so a strada l, dove che l i Mariuzi. Da Bativa! L i g but na bomba, i g! Eeeee!! Che rassa de pca i g dato! I ha fato na busa... Maria vergine. Morti, no. Sa vea paura che i ne bombardesse a casa e ora se corea. Quando i sonea a sirena e ora te tochea!

Chea volta de a liberasion, i americani ei passai anca par qua?
I americani i xe vegnui anca qua in casa, che e tose... (e jera tute mate). Se iera tante tose! No i ha fato niente. I ha visto (hanno solo guardato)

Quanto la g dur st roba de scndarse dentro i fossi, de stuar e luci... ?
Eeeee! La g dur! Perch i la g finia in tel quarantasinque.

Quando eo che ve s trasferii, da qua a Mieperteghe?
Me ricordo! Perch to zio Renzo l nato l a Mieperteghe, nel 48, dopo a guerra. Qua no se podea viver co na campagnoea de dissette (17) campi, in 33 persone. E ora semo ndati a Mieperteghe.
Qua ven dato in affitto ai Gabriei. Semo stati quattro ani l a Mieperteghe e dopo se ven diviso. E (a)lora tre fradei i restai l e tre xe vegnui qua: Meno, Santo e Angeo.

I campi qua, chea volta, no i era tutti dei Venturato?
I era de Favotto e de tutti i Venturati qua. El nonno de to nonno, disette campi i iera sui.

De el campo cossa coltivassi?
Soturco, formento. Se iera propetari, no se iera mia mezzadri, qua. Vide e... bastanza! Se fea bastanza ua. Se vea e vacche in staea. Quando e fea i vedei! E quando li fea, co chei schei l se paghea e tasse. E tasse de a tera! E tasse come adesso che se paga.

Par bevar cossa bevessi?
Lacqua a iera quea del posso. A iera neta. E tante volte se metea dentro a carne co na zesta. Su da lacqua! E se mantegnea fresco. A carne a durea un giorno, do giorni. Par de no, ma el pozzo fa fresco.

E chea volta che i a bombard Treviso, cossa ai fatto?
Eee...!!! Che rassa de aparecchi!!! Te sentia che i passea pieni de bombe. I passea sora qua. Te i sentia che i passea e i passea. Pieni de bombe! I ndava via pian pianin. I passai par qua. Che flotte che ghe iera! E dopo tha sentio un bombardamento, tha sentio. Iera anca mattina co i ha bombard. I ha fato tanti morti! Se savea ormai dove i ndea.

E chea volta del teremoto? (del Friuli, 1976)
El me parea un camion, el me parea! E se te vedea e gaine come che e vegnea fora del puner, sigando, Maria vergine!!! E Renzo el iera che el tirea su acqua dal posso. E se sentia come un giramento de testa. Maria vergine! ! ! A ringhiera che tremea, ci! E quando iera undese boti xe stata n altra scossa. Che mi iere in tel orto. Se iera tutti su, se ieri (durante la prima scossa). Iera caldo, iera, che mi iere in tel orto. E dopo Beppi el ne g ciam tutti l. E se iera tuti rifugiai perch ghe iera pericoeo. E dopo l vegnuo scosse p leggere. L p granda che l vegnua l vegnua ae undese de mezzogiomo.

Torna alla pagina iniziale di Croce Torna alla pagina dei Testimoni del 900